Calciomercato Frosinone, Angelozzi deve difendersi!

A volte bisogna giocare, anche, in difesa. E Guido Angelozzi questo lo sa davvero molto bene. Il calciomercato del Frosinone si sta focalizzando, dopo tanti arrivi che non si sono di certo esauriti, su diverse cessioni dopo importanti manifestazioni d’interesse. Ecco cosa potrebbe accadere in casa gialloblù in questo ore così frenetiche.

Dopo aver rafforzato la squadra di mister Eusebio Di Francesco nel tentativo di lottare significativamente per la salvezza in Serie A, il Frosinone dovrà difendersi dagli assalti di diversi (e importanti) club che hanno messo gli occhi sui giocatori sotto contratto con la società laziale. Al giusto prezzo, l’uomo di punta delle trattative dei ciociari potrebbe pensare a cedere i suoi ragazzi, soltanto dopo aver parlato con il tecnico. Vendite che dovrebbero immettere denaro fresco nelle casse societarie. Liquidi che foraggerebbero nuove entrate.

Calciomercato Frosinone, Caso e Borelli ricercati dai top club di Serie B

(Credit foto – Frosinone Calcio)

Gennaro Borelli e Giuseppe Caso nel mirino di Palermo e Sampdoria. Due giocatori importanti che hanno fortemente contribuito alla vittoria della Serie B nel regno di Fabio Grosso. Cosa fare con loro due? Il primo è un attaccante di peso che potrebbe essere utile per battagliare in Serie A, ma in caso di buona offerta potrebbe essere “sacrificato” per puntare su un profilo più avvezzo alla massima serie.

L’attaccante esterno di Torre Annunziata è ancora piuttosto giovane (24 anni) e potrebbe incrementare ancor di più il suo valore di mercato in caso di buona annata in Serie A. L’ambiziosa Sampdoria lo vorrebbe regalare ad Andrea Pirlo, ma i genovesi sono spaventati dalla richiesta di Guido Angelozzi: 5 milioni di euro per lasciarlo partire. Troppi, per adesso. Dalle parti della provincia laziale non hanno davvero fretta perché credono fortemente nel talento del ragazzo che in A potrebbe fare molto bene alle dipendenze di un tecnico pronto a esaltarne tutte le caratteristiche.

Seguici su Google News

Pulsante per tornare all'inizio