15.4 C
Roma
Dicembre 9, 2022, venerdì

Ultime News

Caos supplenze in provincia di Roma: i disagi continuano

- Advertisement -

Non è davvero un buon momento per le scuole in provincia di Roma. Il caos supplenze, infatti, continua a imperversare nel sistema scolastico del Lazio che rischia di essere messo ulteriormente in ginocchio da inevitabili cambiamenti d’orari e dall’incertezza sempre più galoppante della classe docente.

Caos supplenze: cosa sta succedendo?

Sotto accusa ci sarebbe il sistema informatico che gestisce il reclutamento dei docenti. Un algoritmo che sta rendendo la vita praticamente impossibile soprattutto docenti appartenenti alle GAE e alla prima fascia delle GPS (precari storici della scuola), per non parlare dei docenti in possesso della tanto agognata e sudata specializzazione sul sostegno. Ma come funzione questo sistema?

I docenti devono indicare ben 150 scelte che sono “al buio”, infatti i professionisti non conoscono le reali disponibilità delle sedi contrassegnate. Il problema si aggrava terribilmente perché chi viene saltato e non scelto, quindi, non potrà più essere interpellato per la nomina in quella specifica classe. Tradotto: caos e assenza di personale sempre più imperante all’interno della provincia capitolina.

Le parole di Eleonora Mattia del PD

Sulla questione si è espressa Eleonora Mattia (PD), Presidente IX Commissione lavoro e scuola Consiglio Regionale Lazio:

Sul caos supplenze si sommano due problemi fondamentali: il rispetto e la dignità del lavoro dei docenti e la tutela del diritto allo studio e alla continuità didattica degli studenti e delle studentesse. Insegnanti, dirigenti scolastici e corpi intermedi segnalano già da tempo le anomalie del sistema informatico che ha gestito la procedura di attribuzione delle cattedre: è urgente un intervento da parte del Ministero affinché questa situazione si chiarisca e sani al più presto“.

Seguici su Google News

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -