12.2 C
Roma
Dicembre 6, 2022, martedì

Ultime News

Caso Vannini, i genitori a Domenica In: “Daremo in beneficenza il risarcimento”

- Advertisement -

A Domenica In hanno parlato i genitori di Marco Vannini in occasione della condanna di Antonio Ciontoli (14 anni) e i familiari, la moglie e i due figli, tutti coinvolti, a 9 anni e 4 mesi. Lo scorso 30 settembre, la Corte d’Assise si è pronunciata definitivamente sul caso in questione. Nel 2018 la Corte aveva espresso la condanna per Ciontoli per l’omicidio volontario del giovane. Il fatto era avvenuto nel 2015. Nella notte infatti Antonio Ciontoli avrebbe puntato una pistola verso il giovane, pensando fosse scarica, ed avrebbe esploso un colpo in direzione del ragazzo. Dopo 3 ore Marco sarebbe morto. I familiari non avrebbero però prestato soccorso in tempo al giovane. Mentre in primo grado la condanna per l’ex marina era di 14 anni e per i familiari di 3 anni, in secondo grado la condanna era scesa fino a 5 anni dato che il fatto viene ritenuto colposo e non doloso. Nel processo bis ordinato dalla Cassazione è rimasta la condanna a 14 anni per Ciontoli e 9 anni e 4 mesi per il resto della famiglia rei di aver ritardato l’arrivo dei soccorsi. Adesso, il “Caso Vannini” ha ufficialmente i suoi colpevoli.

Le parole dei genitori

Ecco le parole dei genitori di Marco Vannini a Domenica In, celebre programma domenicale delle reti Rai Questo ci fa credere che la giustizia esista. Se dovremo avere un risarcimento dai Ciontoli allora lo daremo in beneficenza per i giovani come Marco. Si tratta di una sconfitta per noi, niente ci potrà ridare Marco ma almeno abbiamo avuto giustizia. Non siamo interessati ai soldi, solo a questo. Il perdono di Antonio? Se lo avesse cercato davvero ci avrebbe potuto chiamare in questi anni. Non hanno fatto nulla per salvare davvero mio figlio”.

Seguici su Metropolitan Roma News

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -