11.5 C
Roma
Ottobre 19, 2021, martedì

Centro off-limits: cambio di programma per cortei e manifestazioni

- Advertisement -

Centro off-limits: cambio di programma per tutti i cortei e le manifestazioni che si terranno nei prossimi giorni. Spostata la protesta NO Green Pass. Aumento della sicurezza in vista del G20 di fine mese

Centro off-limits: manifestazioni non più nei pressi di sedi istituzionali ed obiettivi sensibili

Centro off-limits: lo spostamento obbligato è stato deciso ieri dalla Prefettura per la manifestazione di lavoratori NO Green Pass di domani pomeriggio, organizzata dai movimenti vicini all’avvocato Edoardo Polacco. Attese forse anche più delle mille persone annunciate nei giorni scorsi, per la prima iniziativa di protesta dopo gli scontri di piazza di sabato scorso. “Arriveranno molti rappresentanti sindacali di base di società pubbliche e private contrari al Green Pass, staremo alla Bocca della Verità” spiega Polacco dopo aver appreso la notizia dello spostamento del sit-in. Alla luce delle decisioni prese ieri dal Comitato Nazionale per l’ordine e la sicurezza pubblica, è stato deciso lo spostamento in una zona meno centrale, accanto al Circo Massimo, che in caso di presenze massicce potrebbe diventare uno sfogo ritenuto sicuro. Ma i responsabili dell’ordine pubblico stanno studiando anche soluzione diverse. Il giro di vite è appena cominciato e riguarderà tutte le iniziative di protesta. Non saranno più autorizzate nei pressi di sedi istituzionali ed obiettivi sensibili, che potrebbero finire nel mirino di infiltrati violenti o di provocatori che potrebbero arrivare allo scontro con le Forze dell’Ordine. Intanto SI continua a monitorare il web e più in generale le chat e i social per intercettare eventuali movimenti di persone che potrebbero arrivare in massa nella Capitale. L’attenzione è massima, anche in vista della manifestazione di sabato pomeriggio a San Giovanni di solidarietà alla Cgil, dopo l’attacco di una settimana fa. Qui si attendono decine di migliaia di persone, con numerose adesioni delle forze politiche. I preparativi sono stati discussi già ieri in Prefettura nel corso di una riunione tecnica con i responsabili di Polizia, Carabinieri, Finanza e Vigili urbani. Per oggi è stato fissato un Comitato provinciale, presieduto sempre dal prefetto Matteo Piantedosi. Fra domani e sabato ci saranno anche altri momenti caldi: si temono azioni dimostrative per protestare contro il Green Pass e per questo saranno presidiati vari obiettivi, come le stazioni ferroviarie e della metropolitana, ma per dopodomani è previsto anche un massiccio controllo dello stadio Olimpico per Lazio-Inter. Senza contare il rischio di manifestazioni estemporanee a ridosso dei ballottaggi per il nuovo sindaco. Inoltre, i cortei non autorizzati saranno valutati volta per volta in base all’effettiva necessità di uno spostamento di una protesta statica e se ci saranno le condizioni di sicurezza. Monitorati in maniera continua i caselli autostradali e gli accessi in città dalle consolari per capire in tempo reale la partecipazione a un evento. Una nuova strategia in vista del G20 di fine mese: è stato già deciso l’arrivo di 500 soldati in più dell’operazione Strade sicure e una copertura aerea anche con l’utilizzo di droni militari di ultima generazione

Seguiteci su

Metropolitan Roma News

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -