27.7 C
Roma
Aprile 14, 2024, domenica

Ultime News

Continua a leggere altre news simili

Chi taglierà per primo il nastro del Giro d’Italia?

Uno dei momenti più attesi per gli appassionati di sport italiano: il giro d’Italia partirà il prossimo 4 maggio 2024 da Venaria Reale e finirà a Roma il 26. Ventuno tappe che emozioneranno tutta Italia con una delle gare di ciclismo più prestigiose al mondo. Ma chi potrebbe vincerlo? Scopriamo insieme qualche analisi sulle squadre…

Competizione sulle due ruote.

Se c’è qualcosa per cui è noto il Giro d’Italia è la fremente competizione tra i partecipanti. Ogni squadra partecipante schiera il suo miglior roster di ciclisti, per fare in modo di guadagnare vittorie sull’asfalto. Quella del Giro è una esperienza estenuante ma emozionante che si gioca tutta in 3 settimane con 21 gare individuali e due giorni di riposo. Insieme al Tour de France e alla Vuelta España rappresenta uno dei tre più grandi Tour al mondo.

Lo scorso anno la partenza è stata ospitata dalla madre patria, a Fossacesia che ha ospitato la cronometro individuale di apertura. Non una consuetudine per il Giro che in diverse edizioni è partito dall’estero, come nel 2022 che ha preso il via da Budapest. Questa edizione resterà in patria per il secondo anno consecutivo e partirà da Venaria Reale, alle porte della città di Torino per concludersi dopo 3321 chilometri e 42900 metri di dislivello. L’arrivo è previsto a Roma per domenica 26 maggio 2024.

Le squadre e le caratteristiche delle tappe.

A questa edizione del Giro parteciperanno 22 squadre per un totale di 176 corridori e 21 tappe. L’edizione corrente subirà comunque una riduzione dei chilometri e del dislivello rispetto allo scorso anno. Tuttavia le tappe in programma saranno più esplosive e sono state pensate per regalare anche uno spettacolo sportivo senza precedenti. Lo scorso anno la maglia rosa è spettata a Primoz Roglic (Jumbo- Visma) che ha conquistato la vittoria da Geraint Thomas (Ineos Grenadiers) nell’ultima tappa che consisteva di una cronometro individuale in salita con l’arrivo in cima al Monte Lussari. Non è ancora certo se Primoz Roglic vincerà anche quest’anno, sebbene la volontà del ciclista sloveno ci sia nonostante questa sia una stagione molto impegnativa vista anche la sua partecipazione al Tour de France. Lo scorso anno il podio è stato occupato dallo sloveno in prima posizione seguito da Thomas e Almeida. Quest’ultimo prenderà nuovamente parte al Giro italiano e chissà che non riesca ad indossare la maglia rosa. Per ora tutti gli amanti di questo sport si augurano di rivedere questi campioni su strada anche per determinare i pronostici di una possibile doppia vittoria. Tra gli altri favoriti spicca la corazzata Visma Lease a Bike che sarà guidata dal capitano Wout Van Aert e Giulio Ciccone, vincitore della maglia a pois in Francia lo scorso anno. Il resto probabilmente ce lo sveleranno le scommesse online.

La corsa più breve ma più entusiasmante

Quella di quest’anno sarà l’edizione più breve da quella del 1979. Certo, le tappe previste sono molto “aggressive” con diverse partenze in salita e questo dovrebbe già determinare qualche fuga. Le tappe di montagna inoltre saranno distribuite lungo tutto il percorso e questo renderà l’intero giro rosa una battaglia fino all’ultimo metro. I corridori percorreranno quasi interamente l’intero territorio nazionale, chiudendo la prima tappa a Napoli. La città partenopea sarà sede d’arrivo di tappa per il terzo anno consecutivo mentre chiuderà le danze la città eterna per la sesta volta nella storia di questo magnifico giro. Roma sarà infatti l’ultima tappa, il 26 maggio dopo quella di Alpago- Bassano del Grappa. Un’emozione, quella del Giro Rosa, che durerà poche settimane ma che ci accompagnerà, con grande entusiasmo, per tutto l’anno.

Conclusioni

Il prossimo Giro d’Italia, come anche i precedenti, promette già una battaglia di emozioni e fatica che si spalmerà gran parte d’Italia vedendo gareggiare squadre e ciclisti di altissimo livello. Spettacolo e fatica saranno dunque le parole d’ordine che accompagneranno questo importantissimo evento che, nell’edizione 2024, sarà in arrivo ed in partenza italiano. Da Venaria Reale, alle porte di Torino fino a Roma, la città eterna, attraverso 21 tappe e di media e bassa difficoltà ma con anche passaggi montagnosi e diverse partenze in salita. Tra i favoriti il già vincitore dello scorso anno, lo sloveno Roglic ma anche Wout Van Aert e Giulio Ciccone che attualmente sembrano avere la giusta mentalità e la giusta forma fisica per affrontare questa gara. Ogni squadra schiererà comunque dei talenti che hanno già diverse esperienze passate, alcune anche negli altri tour, quello di Francia e quello di Spagna.

Mentre aspettiamo il via, non resta che goderci tutte le anticipazioni e sperare che, anche per quest’anno, il giro d’Italia, che tinge di rosa le città e le strade, sia ricco di quell’emozione che non smette di incantare grandi e piccini in ogni parte del mondo.

Gli articoli più letti