Festeggiamenti senza permesso a Roma. Il prefetto aveva negato il bus scoperto alla Nazionale

- Advertisement -

Il prefetto di Roma ha dichiarato di aver espresso il proprio dissenso e negato l’autorizzazione ai festeggiamenti che si sono svolti da parte della Nazionale alla vittoria degli Europei. La Figc non è stata ai patti e pare che a desiderare il bus scoperto fossero proprio i calciatori

Ordine pubblico e sicurezza messi a rischio durante i festeggiamenti della Nazionale per gli Europei a Roma: il prefetto si dissocia dal comportamento della Figc

Il prefetto di Roma Matteo Piantedosi, in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, ha manifestato il proprio dissenso in merito ai festeggiamenti della squadra dell’Italia sul Bus in seguito agli Europei.

Gli assembramenti a Roma e le varie feste per la Nazionale non erano organizzati o autorizzati. “Avevamo negato il permesso a festeggiare la vittoria dell’Italia agli Europei sull’autobus scoperto, ma i patti nono stati rispettati”.

Secondo quanto affermato dal prefetto, venerdì scorso si era concordato con la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese e con il capo della polizia Lamberto Giannini, di coinvolgere la Figc nell’organizzazione dei festeggiamenti nel rispetto dell’ordine e della sicurezza pubblici.

Gli accordi prevedevano di montare una pedana in piazza del Popolo, in pieno centro a Roma, dove far salire i giocatori: “Abbiamo ritenuto che potesse essere una mediazione praticabile perché ci consentiva di tenere sotto controlla la folla in un unico luogo, verificando anche che le persone indossassero le mascherine come prevede il decreto in vigore quando ci sono gli assembramenti” -invece, afferma il Prefetto di Roma- “Nel primo pomeriggio di lunedì abbiamo avuto altri contatti diretti con lo staff della Figc che ha rinnovato la richiesta di poter utilizzare l’autobus scoperto. Abbiamo spiegato a tutti che le valutazioni non erano cambiate”.

Secondo il Prefetto, lo staff ha sostenuto che ci fosse già molta folla per le strade ed era forte intenzione dei calciatori proseguire i festeggiamenti con un giro di autobus scoperto. Si presume che a volerlo fossero particolarmente Chiellini e Bonucci. Vietarlo avrebbe potuto creare problemi di ordine pubblico, a quanto riporta il Corriere della Sera.

Serafina Di Lascio

Seguici su Metropolitan Magazine

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

De Laurentiis indagato a Roma per falso in bilancio nell’acquisto di Osimhen

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è indagato a Roma per falso in bilancio per l'acquisto di Victor Osimhen, fatto dalla società napoletana nell'estate 2020....

Calciomercato Frosinone, lo stop di Harroui riapre le trattative?

Una tegola assorbita, sembra positivamente, da una squadra che continua a mostrare un bel gioco in Serie A. La botta per Eusebio Di Francesco...

Calciomercato Lazio, gennaio momento propizio: il colpo sognato

Una pista calda che potrebbe riaprirsi a gennaio, quando le trattative torneranno prepotentemente sulla scena del calcio internazionale. Il calciomercato della Lazio potrebbe ben...

Calciomercato Roma, un tifoso in campo nel prossimo futuro?

Il campionato, fin qui, non sta regalando troppe soddisfazioni alla squadra di Josè Mourinho. I giallorossi sono nella parte bassa della classifica con soli...