14.3 C
Roma
Novembre 26, 2022, sabato

Ultime News

Garbatella contro Ignazio La Russa: “Ti schifiamo”

- Advertisement -

Le polemiche sulla nomina del nuovo Presidente del Senato non accennano a diminuire. Anche in strada, non soltanto nei salotti e sui social network. A Garbatella, quartiere romano, sono apparse scritte contro Ignazio La Russa: “La Russa Garbatella ti schifa”, questo il messaggio, vergato con la stella a cinque punte e dalla sigla Antifa. La comunicazione è stata trovata dopo le 23:00 di venerdì 14 ottobre in via Guendalina Borghese. Indagano Digos e i Carabinieri di San Paolo, dura la presa di posizione di Fratelli d’Italia con Giorgia Meloni che ha teso la mano al neo presidente.

Garbatella, scritte contro Ignazio La Russa: dura condanna di Giorgia Meloni

Garbatella contro Ignazio La Russa: "Ti schifiamo"

Duro il messaggio di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia e prossimo Premier del Governo italiano:

Le prime parole di Ignazio La Russa come Presidente del Senato sono state quelle di un uomo che conosce bene il peso delle Istituzioni e che farà di tutto per rappresentare con imparzialità e autorevolezza la seconda carica dello Stato. Eppure diversi esponenti politici hanno deciso di renderlo un bersaglio, come persona e per le sue idee, rinfocolando un clima d’odio, già ben alimentato durante una campagna elettorale costruita sulla demonizzazione dell’avversario politico. E così, accade che in una sede di Fratelli d’Italia compaia una scritta contro di lui, firmata con la stella a 5 punte, chiaro riferimento ad anni drammatici che non vogliamo rivivere. Il nostro impegno sarà per unire la Nazione, non per dividerla come sta tentando di fare qualcuno. Spero che il senso di responsabilità della politica prevalga sull’odio ideologico, perché l’Italia e gli italiani devono tornare a correre, insieme“.

Anche la senatrice di FDI Isabella Rauti ha espresso vicinanza al nuovo Presidente del Senato:

Quanto accaduto questa notte alla Garbatella, dove su una serranda è comparso il triste simbolo delle Brigate Rosse, la stella a cinque punte, insieme a una scritta contro il presidente del Senato Ignazio La Russa, va condannato con fermezza. Mi auguro che giunga una censura unanime, che sia fatta chiarezza sugli autori di tale gesto, ma soprattutto che ci sia l’impegno di tutti a smetterla con questo clima di odio e scontro, inaugurando una stagione davvero di riconciliazione nazionale, come peraltro ha auspicato proprio il presidente La Russa“.

Seguici su Google News

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -