12.5 C
Roma
Dicembre 8, 2022, giovedì

Ultime News

Il conducente dell’auto che ha ucciso Angelo Michael Kafui si è costituito

- Advertisement -

Il conducente dell’auto pirata che ha investito ed ucciso Angelo Michael Kafui mentre attraversava l’Anagnina con i suoi fratelli si è costituito. Il 36enne è stato denunciato in stato di libertà per omicidio stradale, mentre l’auto è stata sequestrata

Il conducente dell’auto pirata si è costituito: accompagnato dai suoi avvocati, si è autodenunciato colpevole

Il conducente dell’auto pirata si è costituito: si è presentato nella caserma dei Carabinieri della stazione Prenestina e, accompagnato dai suoi legali, si è autodenunciato, dichiarandosi colpevole. Il pirata della strada che ha investito e ucciso Angelo Michael Kafui, 37 anni, originario del Togo morto nella notte tra venerdì e sabato scorso in via Anagnina, si è così costituito. Alla guida della vettura pirata, un 36enne romano. Accompagnato dai suoi avvocati si è dichiarato colpevole. L’uomo è stato denunciato in stato di libertà per omicidio stradale, mentre l’auto che guidava è stata sequestrata per i successivi rilievi tecnici. La Procura della Repubblica è stata informata dai Carabinieri della stazione di Prenestina che indagano insieme al personale del V Gruppo Casilino della Polizia Locale di Roma Capitale che, dopo l’investimento, ha eseguito i rilievi del sinistro stradale. A quanto emerso, l’auto guidata dal 36enne romano non avrebbe frenato per poi fuggire. Angelo Michael Kafui, dopo l’impatto, è stato sbalzato per diversi metri, ed è morto sul colpo davanti agli occhi dei fratelli. Gli agenti della Polizia Locale, durante i primi rilievi scientifici, avevano recuperato alcuni frammenti di un’auto e acquisito le immagini delle telecamere di zona.  

Seguiteci su

Metropolitan Roma News

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -