10.8 C
Roma
Novembre 29, 2022, martedì

Ultime News

“Iliade” , il classico di Omero in scena al Teatro Belli dal 5 Aprile

- Advertisement -

Dal 5 al 10 aprile 2022, in scena al Teatro Belli Iliade; uno degli “album” di Corrado d’Elia più sentiti ed appassionati, uno spettacolo ricco di emozioni e dalla potenza evocativa straordinaria.

Iliade, al Teatro Belli dal 5 al 10 Aprile

Al Teatro Belli, dal 5 al 10 Aprile, Iliade.

Ascoltare Omero davanti ad un moderno cantore vuol dire riavvolgere quel filo che collega anche oggi, mito, epica, narrazione e presente. E’ questo il senso dello spettacolo “Iliade”: Corrado D’Elia, attore, regista, drammaturgo, porta in scena il classico di Omero al Teatro Belli di Roma.

D’Elia si immerge in un classico della nostra letteratura privilegiando la forza comunicativa della parolaevoca immagini, personaggi e sentimenti mutando il suo tono. A volte urlando, sussurrando, e accompagna lo spettatore fino al cuore della storia e dei suoi personaggi. Attraverso una scenografia minimalista e un uso ponderato delle luci e delle musiche, si mette di fronte al pubblico; ritrova un rito antico, quello dei racconti e delle storie, delle narrazioni senza tempo, in cui chi racconta e chi ascolta condividono lo stesso “sentire”.

E così gli Achei, i Troiani, Ettore, Agamennone, Achille, Elena, Andromaca non sono più personaggi distanti ma sono esseri umani fatti di emozioni, passioni e debolezze che appartengono a ciascuno di noi e, quindi, a tutta l’umanità.

Iliade è uno spettacolo che restituisce un patrimonio di identità, di cultura e di valori universali, che consegna emozioni che riguardano “l’uomo” – tutti gli uomini – in modo trasversale. È l’origine, il master, il conio da cui ancora oggi muoviamo per raccontare e immaginare le nostre passioni, le nostre vite, le nostre relazioni e la nostra storia. E l’amore e l’odio che Omero cantava quasi 3000 anni fa, le gesta di quei grandi uomini, le loro passioni, sono i medesimi di oggi, hanno la stessa potenza dirompente, la stessa intensa capacità di emozionarci e di farci riflettere. Spiega Corrado D’Elia:

Ognuno di noi, anche chi non lo sa, anche chi non lo immagina, è intriso fino al midollo dell’umanità del mito. Da li veniamo tutti. A quell’origine tutti apparteniamo. Per questo ancora oggi sentiamo l’urgenza di raccontare questa storia straordinaria. Non solo per unirci ad un rito antico come il tempo, ma per vivere appieno il suo straordinario percorso di umanità e di contemporaneità” .

Seguici su Google News

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -