Maurizio Sarri nervoso dopo Lazio-Monza: la situazione

Le dichiarazioni di mister Maurizio Sarri al termine della partita pareggiata dalla sua Lazio in casa contro il Monza. Il tecnico toscano non è certamente felice di questo avvio di campionato e non ha nascosto i suoi dubbi sulla rosa.

Quattro punti in campionato dopo cinque partite e zero vittorie in casa. Non è un grande inizio per i biancocelesti di Maurizio Sarri che in conferenza stampa ha parlato a margine della sfida pareggiata contro il Monza di Raffaele Palladino. Il tecnico ha puntato il dito sulle fatiche di Champions League e sui nuovi innesti che tatticamente ancora non sono inseriti completamente nei suoi schemi.

Maurizio Sarri traccia la via: “La Champions League toglie energie, ma abbiamo faticato per esserci…”

(Credit foto – Getty Images)

Se è un punto meritato? Nel tratto di partita fra il nostro 1-0 e l’1-1 sì, siamo stati passivi. Poi nel secondo tempo la partita si è riaperta di più e abbiamo avuto qualche buona occasione anche noi – ha detto il tecnico a Sky Sport –. Siamo in un momento in cui non ci vengono bene tante cose, ma è difficile pensare di uscire da questo momento negativo in modo secco e veloce. Abbiamo fatto un tratto di partita neanche male però dobbiamo fare di più. In questo momento abbiamo difficoltà a fare di meglio. a priorità sarebbe fare un risultato pieno perché ci darebbe entusiasmo e ci toglierebbe l’ansia che abbiamo. Dobbiamo ritrovare pericolosità offensiva perché creiamo poco. In fase difensiva qualche segnale lo stiamo dando però la solidità dell’anno scorso non c’è. Siamo una squadra che deve risolvere dei problemi. Giocare dopo la Champions è difficile per tutti, figuriamoci per noi che non siamo abituati. Che la partita era a rischio era prevedibile, contro una squadra di buon palleggio, ma per come si era messa c’erano margini per fare meglio. Bisogna valutare cosa c’è che non va a livello di ambiente. Ciò che c’è fuori ci deve interessare fino a un certo punto. I nuovi? Sono ragazzi tatticamente che ancora non sono pronti per giocare con noi, ma se non giocano non si abitueranno mai. Il grande problema dopo certe partite è il recupero di energie mentali e nervose. Ricaricarsi non è così facile, ritrovare determinazione e motivazione dopo tre giorni non è così semplice. Ma non dev’essere un alibi: abbiamo fatto tanto per andarci e non possiamo mandare a monte tutte le partite dopo la Champions“.

(Credit foto – Getty Images)

Seguici su Google News

Pulsante per tornare all'inizio