8.3 C
Roma
Dicembre 2, 2022, venerdì

Ultime News

Spaccio a Roma, smantellato gruppo criminale: arrestate 8 persone

- Advertisement -

La Polizia ha arrestato questa mattina otto persone dedite allo spaccio nella Capitale. Dopo una lunga indagine, durata da maggio 2018 a giugno 2019, la Sezione Antidroga della Squadra Mobile di Roma, a seguito di indagini coordinate dal PM del gruppo reati contro il patrimonio e gli stupefacenti della Procura della Repubblica di Roma, è riuscita a raccogliere chiari elementi probatori a carico del gruppo criminale operativo nella zona fra Ardea e Pomezia.  

Complessivamente, l’attività d’indagine ha permesso di sequestrare una pistola semiautomatica, trenta chili di marijuana, mezzo chilo di eroina, oltre 30 grammi di hashish e tutto materiale per peso e confezionamento.

Spaccio a Roma: le indagini

Le indagini traggono la loro origine dall’arresto di un cittadino italiano incensurato, F.S. di anni 37, per detenzione ai fini di spaccio di oltre 9 chili di marijuana, suddivisa in nove confezioni e trasportati a bordo della macchina di proprietà dell’uomo. Dopo diversi riscontri, la Polizia ha capito subito che l’uomo era in realtà solamente un corriere e non il capo del gruppo dedito allo spaccio a Roma.

I successivi approfondimenti hanno quindi consentito di individuare un gruppo composto da soggetti di nazionalità italiana ed albanese, dedita al traffico di sostanze stupefacenti con base ad Ardea. A capo un albanese, noto come “Lele”, che a ogni trattativa si recava armato di pistole mostrandole in caso di necessità, anche agli altri indagati con l’intento di spaventarli.

Insieme a “Lele” altri due uomini di origini albanesi, Florian e Giorgio, con il compito di occuparsi della logistica per gli scambi illegali. In particolare fornivano i mezzi per il trasporto della sostanza, facendo anche da tramite con i fornitori ed individuando dove nascondere la droga. Grazie alle indagini, la Polizia è arrivata anche a chi riforniva Lele. Un uomo di Viterbo, noto come Ermal, e l’unico in grado di intimorire l’albense.

Le misure cautelari

In tutto, sono state quindi disposte ordinanze di custodie cautelari nei confronti di I.R. 38 anni e M.M. di 37 anni entrambi cittadini albanesi e già detenuti per analoghi reati, due ordinanze di custodia cautelare degli arresti domiciliari a carico di due cittadini italiani, il predetto F.S. 37 anni e A.M. di 61 anni, nonché di sette ordinanze di misura cautelare consistente nell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria, anche queste a carico di cittadini italiani D.F.A di anni 59 ed il fratello D.F.S. di anni 67 e M.M. di anni 29, nonché di cittadini albanesi E.L. di anni 25, F.A. di anni 34, N.E. di anni 33 ed il fratello N.A. di anni 31, questi ultimi attivamente ricercati.

Seguici su Metropolitan Roma News 

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -