Protesta dei tassisti al Campidoglio a Roma: ecco le motivazioni

E’ dal Campidoglio che parte la protesta dei tassisti della città di Roma: tra le principali motivazioni dello sciopero vi è l’assenza del wc. Tra gli slogan della manifestazione vi è uno in particolare indirizzato alla Sindaca Raggi: “La pazienza è come la pipi, prima o poi scappa”

“La pazienza è come la pipi, prima o poi scappa”: ecco lo slogan dei tassisti dedicato a Virginia Raggi al Campidoglio a Roma

Un wc al Campidoglio è il simbolo della protesta dei tassisti della città di Roma. Sulla scalinata posta all’ingresso di Palazzo Sanatorio viene, poi, esposto un cartello dedicato alla Sindaca Virginia Raggi:

“La pazienza è come la pipi, prima o poi scappa!”

Ecco quanto sta accadendo quest’oggi, 26 Gennaio 2021 nella città di Roma. La manifestazione nasce dall’insoddisfazione da parte dei tassisti romani circa la mancanza di bagni pubblici e locali a causa delle serrande abbassate per i Dpcm anti Covid-19. Le motivazioni coinvolgono tassisti e tassiste che a giornate intere restano nelle proprie automobili svolgendo quotidianamente il proprio lavoro, nel rispetto delle norme attualmente in vigore, ma senza poter andare neppure una volta in bagno o usufruire di un servizio pubblico.

Il presidio di protesta coinvolge i sindacati quali Ugl Taxi, Federtaxi Cisal, Usb Taxi, Ubi e Ati Taxi. Ad esprimersi in merito vi è il Segretario Generale della Fit-Cisl del Lazio, Mario Masucci, che dice:

“L’impossibilità, per i tassisti, di compiere azioni basilari come soddisfare un bisogno fisiologico è soltanto l’inaccettabile e assurda goccia che fa traboccare il vaso si deve ascoltare la voce dei lavoratori in piazza, che denunciano l’assenza di attenzione da parte dell’amministrazione alle loro esigenze e difficoltà“.

Anche Riccardo Cacchione di Usb Taxi si esprime in merito all’indifferenza del Governo italiano circa le esigenze di una categoria di lavorati:

“Senza dimenticare l’abusivismo che questa giunta si era impegnata a sconfiggere soprattutto nell’aeroporto di Fiumicino, inaccettabile ancora di più in questo periodo di pandemia dove ognuno di noi deve fare i conti col riuscire a garantire alla propria famiglia il pranzo e la cena”.

La preoccupazione è alle stelle e per i tassisti della città di Roma non vi è altra soluzione che manifestare in Piazza Campidoglio. Senza supporti, programmazioni, ausili da parte del Governo italiano, la pazienza risulta l’unica arma con cui difendersi.

Serafina Di Lascio

Pulsante per tornare all'inizio