10.9 C
Roma
Novembre 29, 2022, martedì

Ultime News

Rinvio per la sentenza di Pietro Genovese, il ragazzo che investì Gaia e Camilla

- Advertisement -

Nel giorno in cui era attesa la sentenza, il giudice dell’udienza preliminare Gaspare Sturzo ha disposto con un’ordinanza di ascoltare in aula i testimoni dell’incidente. Audizioni previste per il 4 e 14 novembre.

Pietro Genovese, 21 anni, è accusato di omicidio stradale plurimo. Era la notte tra il 21 e il 22 dello scorso Dicembre quando investì a Corso Francia, le due sedicenni Gaia Von Freymann e Camilla Romagnoli. Nel giorno in cui era attesa la sentenza, il gip Gaspare Sturzo ha disposto con un’ordinanza di ascoltare in aula i testimoni dell’incidente e i periti che hanno svolto le consulenze tecniche. Le audizioni sono previste per il 4 e 14 novembre.

Viene messa in dubbio la ricostruzione offerta che prevedeva un concorso di colpa delle ragazze. Ci sono, infatti, delle risultanze processuali che smentiscono il concorso di colpa.

L’avvocato Giulia Bongiorno, legale della famiglia di Gaia Von Freymann, commenta la decisione del giudice di procedere ad ulteriori accertamenti, ritenendola necessaria. Anche secondo l’avvocato, infatti, la ricostruzione appare sbagliata: vi è un errore sin dall’inizio nell’individuazione del punto di impatto.

La posizione del 21enne, intanto, sembra aggravarsi. Dalla relazione tecnica della polizia postale, si legge che il giovane era al telefono al momento dello schianto, con un tasso alcolemico di 1.4, tre volte superiore al limite consentito. Il perito Mario Scipione ha dimostrato, d’altra parte, che le due ragazze non si trovavano sulle strisce pedonali al momento dell’attraversamento.

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -