21.2 C
Roma
Maggio 9, 2021, domenica

“Checco dello Scapicollo”, ristorante storico di Roma, cede le chiavi a Virginia Raggi

- Advertisement -

Roma muore e con sé la ristorazione e il turismo“. Sono queste le parole dei titolari del ristorante storico di Roma Checco dello Scapicollo, che hanno voluto così lanciare un appello alla Prima Cittadina, consegnandole le chiavi del locale. La richiesta è semplice ed è rivolta al Governo e all’Amministrazione Comunale: non lasciare che la Capitale (e con lei il resto dell’Italia) muoia di immobilismo per l’impossibilità di lavorare. In questo difficile momento di crisi sono molte le attività a rischio e il gesto simbolico dei proprietari di Checco dello Scapicollo riassume perfettamente lo stato d’animo di paura e incertezza di centinaia di altre realtà simili disseminate in tutto il territorio nazionale.

La testimonianza dei titolari dello storico ristorante “Checco dallo Scapicollo”

Abbiamo lavorato tanto per seguire le indicazioni del Governo: sanifichiamo costantemente, controlliamo la temperatura corporea al nostro personale e a tutti i clienti – raccontano i titolari del ristorante storico di Roma – Siamo certi di poter garantire il massimo della sicurezza. Farci lavorare solo a pranzo e con tavoli di massimo quattro persone è come condannarsi a una lenta ma inesorabile chiusura definitiva“. Queste amare parole, che lasciano trasparire tutto lo sconforto del personale, sono state riassunte e coronate dal gesto di consegna delle chiavi alla Prima Cittadina di Roma, nella speranza che le richieste avanzate non rimangano senza risposta.

Continua a seguirci su Roma Metropolitan Magazine.

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -