10.9 C
Roma
Novembre 29, 2022, martedì

Ultime News

Roma: identificato il maniaco travestito da Sailor Mercury

- Advertisement -

Identificato il maniaco travestito da Sailor Mercury che aveva gettato il panico tra i residenti del quartiere Parioli di Roma, i quali avevano denunciato il fatto ai carabinieri attraverso un video di pochi secondi che raffigurava l’uomo mentre si masturbava in un parco. 

Identificato il maniaco travestito da Sailor Mercury, rassicurati i residenti

A segnalare la sua assenza dal quartiere sono stati proprio gli abitanti, tra cui un commerciante che ha dichiarato: «Lo avevo visto anche un paio di volte vestito sempre da Sailor Mercury prima di quel video (…) Da diversi giorni non lo abbiamo più visto». Questo perché dallo scorso 20 maggio, a quanto pare, l’uomo – senza altri precedenti penali – è stato identificato e sorpreso dai carabinieri proprio durante uno dei suoi cambi d’abito. Oltre al costume del personaggio del manga giapponese Sailor Moon, l’uomo aveva a propria disposizione anche un vestito da Spiderman e uno da cheerleader, entrambi sequestrati. Stando alla ricostruzione delle forze dell’ordine, l’uomo frequentava spesso il quartiere Parioli pur abitando nella periferia romana, fuori dal raccordo anulare, ed è probabile che possa essersi presentato nel parco anche in altre occasioni all’infuori di quella registrata dal video che l’ha reso “famoso”.

Il mese scorso, infatti, qualcuno è riuscito a filmare l’uomo da un palazzo che affaccia nei giardini tra via di Vigna Filonardi e via Ruggero Fauro; il video è stato successivamente caricato sul canale Telegram Welcome to Favelas, grazie al quale le testimonianze e l’allarme si sono diffusi. Tra le denunce di molti genitori e i post allarmati su Facebook di persone che hanno dichiarato di non sentirsi più al sicuro, al momento dell’identificazione la notizia si è ben presto diffusa tra i residenti del quartiere, adesso rasserenati: molti infatti ritenevano che il luogo in cui l’uomo si aggirava fosse un punto strategico particolarmente frequentato da giovani e studenti che dalla fermata dell’autobus avrebbero raggiunto la scuola vicina.  

Maria Claudia Merenda

Seguici su Google News

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -