21.2 C
Roma
Maggio 9, 2021, domenica

Roma, le condizioni indecenti del Cimitero Flaminio tra degrado e sporcizia

- Advertisement -

Erba incolta, strade poco agibili, sporcizia. Non solo, ma anche edifici con infiltrazione e fatiscenti. Il cimitero Cimitero Flaminio ormai è in un quasi totale sfacelo, abbandonato a sé, con pochissima manutenzione ordinaria. “Mi spezza il cuore sapere che mio padre riposa in queste condizioni”, ha confessato Desy a RomaToday aggiungendo che “ormai per poter portare un fiore bisogna fare un viaggio nel degrado”

Cimitero Flaminio: la disperazione delle persone

Quindici anni fa – racconta ancora Desy a RomaToday – è venuto a mancare mio padre e da allora frequento periodicamente il cimitero di Prima Porta. Nel corso degli anni il degrado è arrivato a dei limiti disumani, un posto che dovrebbe dare solo quiete e serenità, invece l’unica cosa che provoca è rabbia e frustrazione. Un’indecenza totale”. Prima Porta infatti ha ormai raggiunto il suo massimo, anche a causa della recente pandemia.

Per far sentire la loro voce, le famiglie dei defunti in attesa di sepoltura e il personale delle agenzie funebri si sono riuniti in piazza Bocca della Verità per protestare contro una situazione diventata ormai insostenibile (centinaia di famiglie ancora aspettano di seppellire i loro defunti), ma che comunque non riguarda solamente il Flaminio.

“Mio marito è al deposito del Verano e ancora sto aspettando una risposta”, ha sottolineato la signora Lorella, vedova da pochi mesi, aggiungendo di provare “dolore, ma anche tanta rabbia. Non è giusto”. Mentre le agenzie funebri hanno ribadito anche loro che “la situazione è intollerabile“, minacciando che “la prossima volta portiamo i feretri in Campidoglio“.

Seguici su Metropolitan Roma News

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -