25.9 C
Roma
Agosto 17, 2022, mercoledì

Ultime News

Roma, occupazione via della Caffarella: nasce Berta Caceres

- Advertisement -

Occupazione di due fabbricati, di 165 e 500 metri quadri, in Via della Caffarella, all’ingresso del Parco omonimo. È nata ieri a Roma la Laboratoria Ecologista Autogestita Berta Cáceres, negli spazi di proprietà della Regione Lazio.

Come si legge sul web: «Nasce oggi un nuovo fronte di lotta antifascista contro la violenza dell’eterocispatriarcato e del capitalismo. Uno spazio di socialità che vuole promuovere pratiche di lotta ecologista collettiva. Nasce in un edificio pubblico, condannato dalla Regione Lazio alla vendita a beneficio del profitto privato e così lo libera dalla gogna di un’asta, lo tutela con la massima cura dello spazio e del contesto in cui si inserisce. Berta Caceres nasce in un parco, la Caffarella, che una lunga storia di lotte sociali ha difeso dall’avidità della speculazione edilizia.»

Occupazione in via della Caffarella: l’immobile e la polemica

Si tratta dell’occupazione di una proprietà costituita da una villa, due depandance e un’ampia area di pertinenza. Edificata negli anni ’50, la villa è stata trasferita al fondo i3 della Regione Lazio nel 2016. Dal 2017 è stata ceduta a Invimit, società di gestione del risparmio del Mef, per venderlo all’asta a 3 milioni di euro.

La consigliera della lista Calenda, Simona Novi, afferma: «Non saprei dire se è più grave l’aver lasciato per 6 anni una villa di 700 mq con 2000 mq di giardino chiusa e inutilizzata o l’occupazione in corso. Da 6 anni i cittadini dell’VIII municipio che si recano al parco della Caffarella si chiedevano il senso di una villa lasciata vuota. Spazi di questo tipo sono importantissimi per accogliere profughi e migranti in fuga da territori devastati dalle guerre, non per improbabili laboratori ecologisti.»

La Regione Lazio firmerà l’ordinanza di sgombero?

Per rimanere aggiornato seguici su Metropolitan Magazine

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -