7.3 C
Roma
Novembre 28, 2022, lunedì

Ultime News

Roma, Raggi contro il termovalorizzatore: lanciata raccolta firme

- Advertisement -

L’ex sindaca di Roma Virginia Raggi si è fermamente espressa contro la realizzazione del termovalorizzatore fortemente voluto dal sindaco Gualtieri. Raggi e i consiglieri grillini hanno dunque lanciato una raccolta firme di opposizione e pensano a un’azione legale nei confronti del Campidoglio per bloccare la costruzione dell’inceneritore. Lombardi definisce però la mossa “non concordata“.

Roma, la mobilitazione degli oppositori al termovalorizzatore

Da quando il governo Draghi ha deciso di riconoscere al sindaco poteri speciali, tramite il Decreto Aiuti, in quanto segretario del Giubileo che si terrà nel 2025, sono iniziate le polemiche circa la sua decisione su come affrontare il problema della gestione dei rifiuti. Il primo cittadino vorrebbe infatti la realizzazione di un termovalorizzatore da 600mila tonnellate all’anno, che definisce di ultima generazione. Schierati contro la scelta di Gualtieri, l’ex sindaca Virginia Raggi e i consiglieri grillini, i quali hanno lanciato una raccolta firme di opposizione e pensano a un’azione legale nei confronti del Campidoglio per bloccare la costruzione dell’inceneritore.

“Ribadiamo l’assoluta necessità di un processo di transizione ecologica e di economia circolare per la nostra città, ci batteremo in ogni sede per tutelare il diritto alla salute dei romani e la salubrità dell’ambiente in cui viviamo”, queste le parole dei gruppi capitolini M5S e della lista civica Raggi, così come riporta RomaToday. Anche l’assessora grillina alla Transizione ecologica Roberta Lombardi si è espressa contro l’edificazione dell’impianto, tuttavia, ha dichiarato di essere aperta ad un dialogo col Campidoglio e ha definito la raccolta firme una mossa “non concordata“.

Tra i più fermi oppositori al termovalorizzatore c’è Giuseppe Conte. Come riporta RomaToday, l’ex premier ha postato un video via Twitter in cui esprime il suo disaccordo: “Termovalorizzatore vuol dire fumi inquinanti. Chi accetta questi impianti è ambientalista solo coi giardini degli altri, ecologista della domenica, noi siamo realmente ecologisti”. Non sono mancate però le reazioni degli utenti, i quali hanno lamentato in particolare all’ex sindaca Raggi di non aver agito adeguatamente contro il problema dei rifiuti negli anni della sua carica al Campidoglio.

Il sostegno della lista Calenda a Gualtieri

Ulteriori contestazioni alla posizione del M5S arrivano dai consiglieri della lista Calenda. “L’ex sindaca Raggi raccoglie firme per avviare un’azione legale contro il Campidoglio e per bloccare la realizzazione del termovalorizzatore a Roma. Sua la responsabilità di aver ridotto la città una discarica a cielo aperto. Sua e della sua giunta l’incapacità di dare una soluzione all’annoso ritardo accumulato dalla città nella chiusura del ciclo dei rifiuti”. Questo è il duro attacco di Flavia de Gregorio, come riporta ilFattoQuotidiano.it, mentre i consiglieri continuano a sottolineare come invece la realizzazione del termovalorizzatore possa portare solo benefici alla Capitale, come ne godono già molte delle più grandi città europee. “Termovalorizzatori sicuri che garantiscono l’igiene urbana, producono energia elettrica e calore a beneficio della comunità”, è quanto sostenuto dalla lista Calenda, come riporta RomaToday.

Giamila D’Angelo

Seguici su Google News

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -