12 C
Roma
Aprile 11, 2021, domenica

Sergio Saija, la mostra personale al centro “La Clessidra”

- Advertisement -

Personale di Sergio Saija in mostra dal 17 al 20 dicembre in via teatro Pace 3 nel centro culturale “La Clessidra”. In una Roma magica, quasi deserta e silenziosa, dietro Piazza Navona con la fontana dei quattro fiumi illuminata a festa, ieri, a pochi da tale bellezza si è mostrata un altra piccola bellezza: l’inaugurazione della personale dell’artista.

Il giovane artista Sergio Saija nato a Roma nel 1995 espone la sua prima personale, con 28 opere che hanno colorato “ la Clessidra “in via teatro Pace.

La materia nelle opere di Sergio Saija

Indagine sulla materia e sui materiali è la base delle opere di Saija. Utilizza carta, legno, pietra, filo, pane e l’opera diventa tridimensionale, materica, pronta per essere toccata . L’opera ha funzione di “reminiscenza e celebrazione ” del gesto pittorico è un viaggio di emozioni e suggestioni.

Un viaggio intimo fatto di ricordi e speranze. Si ispira a Fontana nei suoi tagli, ma dietro il taglio c’è la materia. E’ il taglio che la contiene e l’abbraccia proteggendola con del filo da cucire.

Sergio Saja, la personale al Centro Culturale "La Clessidra" - Photo Credits sergiosala1.jimdosite.com
Sergio Saja, la personale al Centro Culturale “La Clessidra” – Photo Credits sergiosala1.jimdosite.com

Il pane nelle tele

Forte simbologia nell’utilizzo del pane nelle opere del giovane Sergio Saija. Briciole di pane su un fondare rosso fuoco, a simboleggiare il dono della vita, i suoi dolori e i suoi ardori.

Il pane, sigillo della cultura, spesso al centro di sanguinose guerre da qui il colore rosso.Il pane come metafora di rispetto, nell’arte come nella vita, nelle piccole cose come nei grandi capolavori.

L’artista ci invita con le sue ventotto opere ad indagare su squarci e lacerazioni che possono essere soltanto un piccolo aspetto del nostro vissuto se accolte e abbracciate.

Chiara Sticca

Seguici su

Facebook

Metropolitan Arts&Lifestyle

Articoli Correlati

Follia a Valmontone: uccidono un cane e sparano a un furgone

Follia a Valmontone. Hanno sparato contro il furgone di una coppia e hanno ucciso un cane, un meticcio di grossa taglia, a colpi di fucile. I carabinieri della Compagnia di Colleferro hanno finalmente rintracciato e arrestato i responsabili dell'episodio drammatico svoltosi nell'agosto 2020: due uomini residenti a Cave.

Botte da orbi a Civitavecchia: rissa tra due uomini vicino al mercato

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Polizia di Civitavecchia, diretto da Paolo Guiso, hanno denunciato in stato di...

Badante senza scrupoli approfitta di una donna con problemi psichiatrici

Un badante senza scrupoli attingeva a piene mani al patrimonio milionario di una donna 63enne affetta da problemi psichiatrici. L'uomo teneva...
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Follia a Valmontone: uccidono un cane e sparano a un furgone

Follia a Valmontone. Hanno sparato contro il furgone di una coppia e hanno ucciso un cane, un meticcio di grossa taglia, a colpi di fucile. I carabinieri della Compagnia di Colleferro hanno finalmente rintracciato e arrestato i responsabili dell'episodio drammatico svoltosi nell'agosto 2020: due uomini residenti a Cave.

Botte da orbi a Civitavecchia: rissa tra due uomini vicino al mercato

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di Polizia di Civitavecchia, diretto da Paolo Guiso, hanno denunciato in stato di...

Badante senza scrupoli approfitta di una donna con problemi psichiatrici

Un badante senza scrupoli attingeva a piene mani al patrimonio milionario di una donna 63enne affetta da problemi psichiatrici. L'uomo teneva...

Ater, alloggi in condizioni degradanti: tra muffa e muri spaccati, ecco la testimonianza

Case da incubo e dove trovarle. Gli appartamenti del complesso Ater di Roma si presentano in condizioni degradanti presentano muffa, muri...
- Advertisement -