10.8 C
Roma
Dicembre 7, 2022, mercoledì

Ultime News

Spacciatore finge di essere un rider che consegna pizze: arrestato un 43enne romano

- Advertisement -

Davanti agli agenti della Polizia di Stato aveva dichiarato di essere un rider e di effettuare consegne a domicilio di pizze. Il 43enne romano però, è stato poi sorpreso in possesso di cocaina.

Colto sul fatto il finto rider

F.M, 43enne romano, fermato per un controllo dagli agenti di Polizia, aveva mentito sulla sua identità, dichiarando di lavorare come rider per una pizzeria, mostrando anche la borsa termica vuota all’interno della sua auto. Agli investigatori del commissariato Celio, diretto da Maria Sironi, non è però sfuggito il fatto che l’uomo avesse una somma di denaro ingente al seguito ed un bilancino di precisione sul tappetino dei sedili posteriori. Tenuto sotto osservazione per alcuni giorni, i poliziotti lo hanno visto fermarsi con la macchina in vie isolate e avvicinarsi persone che, dopo un breve colloquio, si allontanavano velocemente.

Gli investigatori lo hanno poi sorpreso entrare in un cortile, all’interno del quale c’era una serranda dove si svolgeva l’attività di officina meccanica. Dopo aver parlato circa 30 minuti con un ragazzo, e dopo essersi messo a trafficare dentro la sua utilitaria, gli agenti sono intervenuti, cogliendolo mentre inseriva la mano sotto al sedile anteriore destro. Il 43enne, ormai smascherato, ha cercato di nascondere qualcosa nella tasca destra del pantalone, dove erano infilati 155 euro e 0,38 grammi di cocaina. Sotto al sedile inoltre erano celati 3 involucri, contenenti 6 grammi della stessa sostanza. Dopo una perquisizione domiciliare, sono stati rinvenuti un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi.

Arrestato anche il suo complice

Gli agenti, in borghese, hanno anche perlustrato l’officina meccanica dove lo spacciatore era stato visto, identificando il fornitore R.C., 20enne romano. Il ragazzo nascondeva 3350 euro in tasca. A casa invece, quest’ultimo nascondeva 320 grammi di manipolo, probabilmente utilizzato per il taglio della droga, all’interno di un casco, appoggiato sopra un armadio in camera da letto. F.M. ed R.C. sono stati entrambi arrestati per detenzione, ai fini di spaccio, di sostanze stupefacenti.

Seguici su Metropolitan Roma News

Articoli Correlati

- Advertisement -

Ultimi Articoli

- Advertisement -