Torre Angela, operazione antidroga: arrestati 4 componenti del clan Spada-Casamonica

Operazione antidroga Torre Angela

Nell’ambito delle attività finalizzate al contrasto del fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti, gli investigatori della locale Squadra Mobile e del commissariato Casilino Nuovo, con l’ausilio delle unità cinofile dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico, hanno inferto un duro colpo al clan Spada-Casamonica. Sono finiti in carcere Ivana Casamonica, Stella Casamonica, Entoni Spada, Angelo Spada e Reda Rejeb, il pusher che vendeva le sostanza stupefacenti nella zona. Nella giornata di ieri, infatti, è stata smantellata una piazza di spaccio dislocata all’interno di un’abitazione sita nel quartiere Torre Angela, dove risiedono alcuni Casamonica e Spada, che riforniva capillarmente l’intera zona, sia attraverso la vendita diretta della sostanza stupefacente che attraverso l’arruolamento di un giovane corriere. A seguito di un’intensa attività di osservazione svolta sul territorio, nel pomeriggio di ieri, subito dopo l’ingresso di un ragazzo sospettato di coinvolto nell’attività di spaccio esterna, gli investigatori hanno fatto irruzione nella casa, cogliendo di sorpresa i presenti e impedendo che potessero disfarsi della sostanze che sarebbero finite per strada.

Torre Angela, operazione antidroga: arrestati 4 componenti del clan Spada-Casamonica

Torre Angela: il bottino sottratto ai clan criminali di Roma

All’interno dell’abitazione, i poliziotti hanno bloccato il giovane pusher, due donne e due uomini appartenenti alle note famiglie criminali di Roma, intenti nel confezionare dosi di marijuana e hashish. La conseguente perquisizione ha consentito di rinvenire circa un migliaio di dosi già pronte per essere vendute al dettaglio, nonché vari panetti di hashish e 4 buste sottovuoto contenenti marijuana, per un peso complessivo di 4 chili (marijuana) e 2,220 chili (hashish). Oltre alla sostanza stupefacente è stato anche rinvenuto materiale da taglio e confezionamento ed un libro mastro contenente, nel dettaglio, la contabilità dell’attività illecita, nonché computer e telefoni cellulari usati per i contatti tra i spacciatori e tossicodipendenti. L’operazione ha sferrato un durissimo colpo alla criminalità organizzata della Capitale: Torre Angela, adesso, è un quartiere più sicuro.

Seguici su Metropolitan Roma News